Ricostruire Insieme

Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialita'

bookmark bookmark

Un viaggio interminabile, che può durare anni, durante il quale si è sottoposti a qualsiasi forma di violenza e abuso. Questo è quello che devono affrontare le migliaia di persone costrette a fuggire da una situazione insostenibile come quella dei paesi del Corno d’Africa, tutte con la speranze di riuscire ad arrivare in Europa per poter cercare un’esistenza migliore.

Questo viaggio disperato ci viene raccontato dal film documentario di Andrea Segre “Come un uomo sulla Terra” (2008), che ripercorre i movimenti dell’etiope Dagmawi Yimer e di altre donne e uomini provenienti da Eritrea, Etiopia e Sudan.

Un viaggio, come dicevamo, interminabile, e che si interrompe bruscamente in Libia, dove tutti i personaggi intervistati sono stati sottoposti alle terribili vessazioni e violenze perpetrate da una polizia libica inumana e corrotta (particolarmente dura la descrizione delle carceri di Kufrah). Un film, poi, che vuole sottolineare le responsabilità dirette dell’Italia (e dei governi Berlusconi in primis) e l’indifferenza dell’Europa.

Ricostruire insieme

"Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialità"

Un progetto informativo a cura del coordinamento Ricostruire Insieme costituito da:

» Caritas Diocesana L'Aquila
» Comitato ARCI L'Aquila
» Rindertimi
» Iris
» Pralipè
» INTI RAYMI Associazione Peruviana Latino-Americana
» Il mondo in una stanza
» Confcooperative L'Aquila
» Circolo ARCI Luco Dei Marsi
» KOInOnIA

Ultimi commenti

Dal mondo