Ricostruire Insieme

Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialita'

bookmark bookmark

In the light of of the debate on the recognition of citizenship for migrants in Italy, let’s look at how other countries regulate it on the same question.

À la lumière du débat sur la reconnaissance de la citoyenneté pour les immigrés en Italie, regardons comment les autres pays affrontent le même sujet.

A la luz del debate sobre el reconocimiento de la ciudadanía para los inmigrantes en Italia, veamos la legislación vigente en otros países sobre el mismo tema.

Duke pasur parasysh debatit për njohjen e shtetësisë për emigrantët në Itali, le të shohimse si vendet e tjera rregullojë çështjen e njëjtë.

Come si acquisisce la cittadinanza negli altri Paesi europei? Una breve carrellata mostra come esistano molte posizioni differenti.

La Germania ha rivisto nel 2000 le sue regole. Da quella data i figli di immigrati possono avere la cittadinanza se uno dei due genitori ha il permesso di soggiorno da almeno 3 anni e se è residente da 8.

La vicina Francia, grazie alla sua storia policulturale, ha sempre avuto una grande presenza di stranieri nel suo territorio. Lì vige lo ius soli dal 1915! Si acquista la cittadinanza automaticamente a 18 anni, ma si può richiedere anche prima, infatti un bambino nato in Francia da genitori stranieri può, già a partire dall’età di 16 anni, fare domanda per acquisire la cittadinanza francese se, al momento della dichiarazione, risiede in Francia e vi ha risieduto per un periodo continuo o discontinuo di almeno 5 anni a partire dall’età di 11 anni. Alle stesse condizioni, i genitori stranieri di un bambino nato in Francia possono richiedere la cittadinanza francese per il minore dopo che questi ha compiuto 13 anni.

In Gran Bretagna può acquisire la cittadinanza il figlio di un cittadino britannico per ius sanguinis a condizione che il padre non sia lui stesso cittadino per discendenza di sangue; altrimenti vige lo ius soli per ogni bambino che nasce sul territorio da almeno un genitore residente da almeno 10 anni. Un meccanismo simile è presente nella legislazione portoghese.

In Olanda, invece, la nascita sul territorio non garantisce la cittadinanza, ma per chi è nato dopo il 1985 da padre e/o madre olandesi sposati o da madre olandese non sposata, la cittadinanza è un processo automatizzato.

In Spagna vige lo ius soli, ma almeno uno dei genitori deve essere nato in Spagna. Si può ottenere la cittadinanza anche per ius sanguinis se si è nati da padre e/o madre spagnoli.

È il caso di dire: Paese che vai, ius che trovi!

di Ilaria Capri

da “Ricostruire Insieme” – Numero 1 febbraio 2012
scarica il giornale (pdf)

Ricostruire insieme

"Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialità"

Un progetto informativo a cura del coordinamento Ricostruire Insieme costituito da:

» Caritas Diocesana L'Aquila
» Comitato ARCI L'Aquila
» Rindertimi
» Iris
» Pralipè
» INTI RAYMI Associazione Peruviana Latino-Americana
» Il mondo in una stanza
» Confcooperative L'Aquila
» Circolo ARCI Luco Dei Marsi
» KOInOnIA

Ultimi commenti

Dal mondo