Ricostruire Insieme

Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialita'

bookmark bookmark

A Valderice (Trapani) dal 16 al 18 giugno si è tenuto il MigraMed Forum 2010, un incontro promosso dal Coordinamento nazionale immigrazione di Caritas Italiana in collaborazione con la delegazione regionale delle Caritas della Sicilia. All’incontro hanno partecipato i rappresentanti di Caritas Europa e delle Caritas dei paesi che si affacciano sul Meditarraneo (Algeria, Grecia, Libano, Libia, Malta, Marocco, Tunisia e Turchia), oltre ad esponenti di amministrazioni locali e istituzioni europee.

Il Mediterraneo è una zona da sempre interessata da flussi migratori. I paesi di quest’area geografica sono, nello stesso tempo, mete di emigrazione, immigrazione e transito di persone che, in cerca di migliori condizioni di vita, affrontano viaggi lunghi, rischiosi e a volte dall’esito tragico. Spesso i migranti non raggiungono la destinazione prevista perché intercettati in mare e rinviati nei rispettivi paesi di transito, come è accaduto recentemente verso la Libia e l’Algeria. Il MigraMed forum è stato un’occasione per riflettere su questa situazione ed avanzare proposte per il futuro, affinché “lo spazio mediterraneo sia luogo d’incontro, per la promozione di pratiche di dialogo e di scambio tra i popoli, strumento di arricchimento reciproco sui versanti culturale e spirituale, oltre che economico e sociale”.

Durante il convegno le Caritas dei Paesi del Mediterraneo, insieme a Caritas Internationalis e a Caritas Europa hanno ribadito la necessità di cooperare per sviluppare iniziative efficaci e soluzioni adeguate al difficile contesto dell’immigrazione nell’area mediterranea. Nello specifico, i progetti per il futuro saranno tesi a monitorare l’andamento dei flussi migratori nel Mediterraneo, promuovere momenti di confronto con le istituzioni, promuovere azioni congiunte per sensibilizzare la società civile sui temi delle migrazioni e i fenomeni connessi, contribuire a promuovere una cultura del rispetto e della tutela dei diritti umani, con particolare riferimento ai migranti, richiedenti asilo, rifugiati e vittime della tratta.

In vista del Migramed Forum il mensile “Italia Caritas” ha pubblicato i dati relativi alle presenze straniere in Italia, aggiornati al 1° gennaio 2010. Secondo questi dati il numero degli stranieri irregolari sul territorio italiano sarebbe aumentato di 126.000 unità rispetto all’anno precedente. Gli irregolari sarebbero 544.000, il 10,7%, su un totale di 5 milioni 101 mila stranieri.

MigraMed Forum 2010 – approfondimenti e dati

Ricostruire insieme

"Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialità"

Un progetto informativo a cura del coordinamento Ricostruire Insieme costituito da:

» Caritas Diocesana L'Aquila
» Comitato ARCI L'Aquila
» Rindertimi
» Iris
» Pralipè
» INTI RAYMI Associazione Peruviana Latino-Americana
» Il mondo in una stanza
» Confcooperative L'Aquila
» Circolo ARCI Luco Dei Marsi
» KOInOnIA

Ultimi commenti

Dal mondo