Ricostruire Insieme

Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialita'

bookmark bookmark

La Questura ha coordinato un intervento con il supporto dell’arma dei Carabinieri e della polizia municipale per identificare le numerose persone che continuano a soggiornare all’interno degli spogliatoi di piazza d’Armi e dell’ autoparco comunale, strutture dichiarate inagibili a seguito del sisma e per le quali l’amministrazione comunale dovrà iniziare i relativi lavori di consolidamento.  In particolare, lunedì, sono state identificate una decina di persone, tutte di etnia tunisina e marocchina, in regola con le norme di soggiorno, che avevano trovato riparo nelle strutture fatiscenti, in condizioni igieniche di grave degrado e di notevole rischio per la propria incolumità. I fermati hanno dichiarato di essere giunti all’Aquila per cercare lavoro come manovali e, raccolte le poche cose che avevano, hanno lasciato l’area per fare ritorno alle città di residenza, considerata la difficoltà di trovare una occupazione.

Ricostruire insieme

"Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialità"

Un progetto informativo a cura del coordinamento Ricostruire Insieme costituito da:

» Caritas Diocesana L'Aquila
» Comitato ARCI L'Aquila
» Rindertimi
» Iris
» Pralipè
» INTI RAYMI Associazione Peruviana Latino-Americana
» Il mondo in una stanza
» Confcooperative L'Aquila
» Circolo ARCI Luco Dei Marsi
» KOInOnIA

Ultimi commenti

Dal mondo