Ricostruire Insieme

Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialita'

bookmark bookmark

(di Francesca Longhi) – La delegazione del coordinamento Ricostruire insieme nei giorni 7, 8 e 9 giugno è  stata accolta nella provincia autonoma  di Trento per conoscere i servizi volti a favorire l’accoglienza e l’integrazione sociale agli immigrati.

A fare gli onori di casa,Pierluigi La Spada, responsabile del Centro informativo per l’immigrazione (Cinformi). Il Cinformi favorisce l’accesso dei cittadini stranieri ai servizi pubblici e offre informazioni e consulenza sulle modalità di ingresso e soggiorno in Italia nonché supporto linguistico e culturale. L’obiettivo è quello di poter favorire la comunicazione tra autoctoni e immigrati stranieri attraverso iniziative culturali, anche di tipo informativo, rivolte alla popolazione per far conoscere le ragioni delle migrazioni e le diverse culture di provenienza.

Il coordinamento Ricostruire insieme appena giunto a Trento è stato invitato a partecipare ad una iniziativa, Passi e parole, tenuta nella sala degli Affreschi della Biblioteca comunale, piena di suggestioni nella quale musica, poesia e pittura hanno dato il proprio contributo a far comprendere l’importanza dell’interscambio tra culture diverse.

A Trento la delegazione di “Ricostruire insieme” ha incontrato, in una conferenza stampa tenutasi il 9 giugno, anche l’assessore provinciale alla Convivenza Lia Giovanazzi Beltrami che ha posto l’accento sulla necessità di valorizzare, accanto alla ricostruzione di strutture e servizi, anche il tessuto umano e sociale della comunità abruzzese. “Nella ricostruzione – afferma l’assessore Giovanazzi Beltrami – non bastano le opere murarie ma è fondamentale occuparsi anche dei rapporti umani. Esportare in provincia dell’Aquila il Piano Convivenza approvato in Trentino è stata un’importante esperienza di collaborazione e sostegno fra istituzioni che sta dando frutti concreti anche nella ricostruzione della comunità lacerata dal sisma. In tal senso, la creazione a L’Aquila del Centro interculturale offre un contributo importante non solo facilitando la conoscenza reciproca, ma anche favorendo la nascita di un comune sentimento di condivisione e impegno, fra aquilani e “nuovi aquilani”, nella ricostruzione dopo il terremoto”.

Nel corso della conferenza stampa è emerso anche il lavoro di rete che sta svolgendo il centro informativo già operativo nel cuore della città di L’Aquila. Il centro informativo oltre ad essere uno sportello aperto tutti i giorni è anche uno sportello itinerante volto a favorire l’incontro e la vicinanza alle persone straniere che in questo periodo giungono a L’aquila per la ricerca di un lavoro. Nello specifico si va incontro allo straniero raggiungendolo nei luoghi più frequentati: mensa celestiniana, centro per l’impiego, prefettura, questura, centro di accoglienza caritas: questa attività viene svolta anche al di fuori dell’orario di lavoro come accade ad esempio per la visita alla mensa celestiniana. Per il funzionamento dello Sportello, inoltre, tutti i ricercatori dell’informazione hanno frequentato due volte a settimana un corso di formazione curato da Sergio Bontempelli, Presidente dell’As sociazione Africa insieme di Pisa, da molti anni impegnato attiva mente sulle questioni migratorie e che dirige uno sportello informativo e di tutela legale per cittadini stranieri e svolge attività di formazione, didattica e ricerca; il suo prezioso aiuto si concretizza in lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche così da affrontare in maniera professionale tutte le problematiche dello straniero che si presenta allo sportello.

Photogallery

Ricostruire insieme

"Per un servizio immigrazione ed educazione alla mondialità"

Un progetto informativo a cura del coordinamento Ricostruire Insieme costituito da:

» Caritas Diocesana L'Aquila
» Comitato ARCI L'Aquila
» Rindertimi
» Iris
» Pralipè
» INTI RAYMI Associazione Peruviana Latino-Americana
» Il mondo in una stanza
» Confcooperative L'Aquila
» Circolo ARCI Luco Dei Marsi
» KOInOnIA

Ultimi commenti

Dal mondo